Agevolazioni fiscali 2019: recupero edilizio, bonus verde, mobili ed elettrodomestici

La Legge di Bilancio 2019 ha confermato, anche per quest’anno, le detrazioni fiscali già esistenti per tutte le principali voci di spesa riguardanti la casa. In un precedente articolo abbiamo ricordato gli interventi di riqualificazione energetica per cui è ammessa la detrazione IRPEF/IRES del 65%. Vediamo ora invece quali sono gli interventi di recupero edilizio per i quali è prorogata la detrazione IRPEF del 50%, quali prevedono invece il “bonus verde” IRPEF del 36% e quali acquisti di mobili ed elettrodomestici contemplano la detrazione IRPEF al 50%.

 Detrazione 50% per interventi di recupero edilizio

Per le spese sostenute sino al 31 dicembre 2019, riguardanti gli interventi di ristrutturazione edilizia su edifici abitativi, e con il limite massimo di spesa pari ad euro 96.000 per unità abitativa (da ripartire in dieci anni), viene prorogata la detrazione IRPEF del 50%.

Attenzione, però: bisogna ricordare che è obbligatorio inviare all’ENEA, entro 90 giorni dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo, i dati relativi agli interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico. Questi gli interventi che prevedono la detrazione e che vanno comunicati all’ENEA:

  • riduzione della trasmittanza delle pareti verticali, delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture), dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno;
  • serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi;
  • installazione o sostituzione di impianti tecnologici: installazione di collettori solari (solare termico) per produzione di acqua calda sanitaria e/o riscaldamento ambienti; sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per riscaldamento ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto; sostituzione di generatori di calore con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto; pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto; sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto; micro generatori; scaldacqua a pompa di calore; generatori di calore a biomassa; sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze; installazione di sistemi di termoregolazione e building automation; installazione impianti fotovoltaici.

Bonus verde

È prorogata fino al 31 dicembre 2019 la detrazione IRPEF del 36%, con un limite di spesa pari ad euro 5.000, per unità immobiliare ad uso abitativo per interventi di:

  • sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Si ricorda che la detrazione:

  • compete anche per gli interventi effettuati su parti comuni esterne di edifici condominiali (importo massimo euro 5.000 per unità immobiliare ad uso abitativo e spetta al singolo condomino nel limite della propria quota) e per le spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi agevolati;
  • è fruibile a condizione che i pagamenti siano effettuati tramite strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni (ad esempio bonifico bancario o postale);
  • va ripartita in dieci rate annuali di pari importo a decorrere dall’anno di sostenimento della spesa.

Bonus mobili ed elettrodomestici

È prorogata fino al 31 dicembre 2019, la detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici rientranti nella categoria A+ (A per i forni) finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio, per il quale si usufruisce della relativa detrazione.

Quindi, attenzione: sono detraibili solo le spese di acquisto per mobili ed elettrodomestici che arredano abitazioni sui quali sono stati fatti, in precedenza, interventi di recupero edilizio. In particolare, per poter fruire della detrazione relativamente alle spese sostenute nel 2019 è necessario che i lavori di recupero edilizio siano iniziati a decorrere dal 1° gennaio 2018.

Come in passato, la detrazione è fruibile in dieci quote annuali con un limite massimo di spesa pari ad euro 10.000.

Nel caso di acquisto di elettrodomestici per i quali si fruisce del bonus mobili è necessario inviare all’ENEA i dati relativi alla classe energetica ed alla potenza elettrica assorbita. In particolare la comunicazione deve essere effettuata per forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga e lavatrici.

Ricordiamo che chi desidera effettuare interventi di recupero edilizio nella propria singola abitazione o nel condominio, o necessita di consulenza per gli interventi ricompresi nel bonus verde o in quello per i mobili e gli elettrodomestici, può fare affidamento su Ediltecnica, che da tempo ha dedicato un settore specifico al recupero edilizio, alle riqualificazioni energetiche e alle manutenzioni straordinarie.

Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie, sia di tipo tecnico che di profilazione. I cookie di profilazione installati provengono tutti da servizi esterni. Tutti i cookie utilizzati sono necessari a fornire una migliore esperienza di navigazione. Negando l'uso dei cookie potresti non poter usufruire dei contenuti e/o servizi offerti da ediltecnica.it. Se vuoi saperne di più ti invitiamo a leggere l'informativa estesa, dove potrai negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie. Cliccando su "Accetto" o proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi